Leverano, cittadina sorta  in una palude in cui le falde sono ricche di acqua, con l’arrivo di  acquazzoni si assiste spesso e volentieri alla presenza di allagamenti.

Nel terzo mondo si costruiscono pozzi per dare l’acqua alla gente, a Leverano l’acqua viene tolta, e non vi è nemmeno possibilità di lavarsi.

Nonostante il referendum fatto nel 2008  da cui si evince che l’acqua potabile è un bene comune,  oggi gli abitanti di Leverano (soprattutto gli abitanti dei piani superiori) lamentano durante il giorno assenza di acqua anche per semplici mansioni quotidiane come cucinare o lavarsi.

I reclami sono stati numerosi, ma l’acquedotto non è ancora in grado di risolvere il problema, causando disagi a buona parte della popolazione (anche se quest’ultima ha l’obbligo di pagare il servizio).

La domanda è questa: mancando il servizio, mancando l’acqua,  il servizio dobbiamo pagarlo?

La lega consumatori sarebbe anche pronta a promuovere una class action per disservizio delle utenze.

Tutti coloro che si sentono colpiti da questo disservizio si possono rivolgere al nostro ufficio.

Categorie: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *